SEZIONI NOTIZIE

Fabio Liverani: "Il mio urlo al cielo finale era per Maradona"

di Franco Avanzini
Fonte: sky sport
Vedi letture
Foto

Il tecnico del Parma Fabio Liverani ha parlato  ai microfoni di SKY Sport: "Questa squadra ha avuto tante difficoltà, ha tante potenzialità e tanti giocatori che mi permettono grandi scelte. Negli ultimi due anni sono arrivate delle salvezze, certe situazioni però come Covid e il non allenarsi hanno portato questa squadra ad avere qualche difficoltà di troppo. Il risultato è meritato".

Arrivavate da una gara persa male a Roma: "Io non ho criticato la squadra dopo la sconfitta di Roma. Questa squadra aveva bisogno di ritrovare la cattiveria agonistica. Oggi abbiamo giocato con Busi che si è allenato poco, Osorio che si è allenato solo dieci giorni, le lingue sono diverse e non è facile andare avanti". 

L'importanza della gara, un urlo liberatorio: "Nessun sassolino volevo togliermi ma il mio urlo era per il cielo. Non mi emoziono molto, sono nato nel 1976 e negli anni di Maradona ero piccolo ma era il mio idolo. Era una poesia, volevo dedicare qualcosa a lui anche nel mio piccolo. Il ricordo più forte fu un Roma-Napoli all'Olimpico a Capodanno e anche se era un avversario lui era il calcio. La punizione con la Juventus non sarà mai più ripetibile da nessuno". 

Parma telecomandato dal tecnico da fuori del campo: "Per giocare a calcio i tre attaccanti sono fondamentali, danno coraggio a tutti. Alves quattro o cinque volte hanno mandato in fuori gioco gli avversari, vuol dire che hanno fatto bene anche gli attaccanti. Ha segnato Gervinho ma potevano segnare anche altri". Parma messo in campo come il Lecce dello scorso anno? "3-5-2 lo abbiamo utilizzato solo tre o quattro volte e solo nelle emergenze. Messo Grassi terzino destro solo in alcune gare, non abbiamo avuto tempo per fare giocare Inglese e Cornelius per un certo periodo causa vari problemi. Questa squadra giocherà sempre con le tre punte, non per le richieste del presidente ma perché sono io che faccio questo tipo di calcio"

Altre notizie
Mercoledì 20 gennaio 2021
11:54 Calciomercato Genoa, Stefano Sturaro ai saluti? Lo aspetta il Verona 05:30 News Il buongiorno
Martedì 19 gennaio 2021
18:28 Copertina Genoa, rientrato in gruppo l'attaccante Gianluca Scamacca 13:01 Copertina Il Giudice Sportivo dopo la diciottesima giornata di andata 10:37 Copertina Torino, ufficiale l'arrivo di Davide Nicola, il comunicato 05:30 News Il buongiorno
Lunedì 18 gennaio 2021
20:17 News Torino: ufficiale l'esonero di Giampaolo. Nicola al suo posto 18:04 SottoCanfora Il miglior attacco... è la difesa 16:02 Copertina Genoa, domani il ritorno al Signorini in vista della gara contro il Cagliari 13:39 Calciomercato Genoa, nel mirino Lammers, c'è il si del calciatore dell'Atalanta 11:41 Copertina Genoa due volti convincenti, prima brilla poi sa soffrire 10:00 Editoriale The Day After: due gare senza subire gol, un'impresa da incorniciare 05:30 News Il buongiorno
Domenica 17 gennaio 2021
21:18 News Criscito: "Il Mister ci sta trasmettendo il suo spirito dell'essere genoano" 20:36 Copertina Perin: "Siamo una squadra; prima eravamo un gruppo di bravi giocatori" 20:29 Copertina Gasperini: "Non sempre si possono vincere le gare ma ci abbiamo provato" 20:27 La voce del Mister Davide Ballardini: "Bene nel primo tempo; meno nella ripresa" 20:13 Partita e pagelle Genoa pagelle: Radovanovic un baluardo in difesa 18:59 Partita e pagelle Atalanta-Genoa, il secondo tempo dell'incontro di Bergamo (live) 17:55 Partita e pagelle Atalanta-Genoa, il primo tempo della gara del Gewiss Stadium (live)