SEZIONI NOTIZIE

Remember Genoa: una stagione rossoblu, tanto impegno ma solo tre gol

di Franco Avanzini
Vedi letture
Foto

In un periodo dove il calcio, giustamente, è stato messo in ultimo piano e si parla solamente delle vittime e dei contagi causati dal Coronavirus, noi di Genoanews1893.it abbiamo deciso di proporvi qualche aneddoto su determinate gare che il Genoa ha disputato dal 1990 ad oggi. Un modo come un altro per cercare di allietarvi in questi momenti bui nei quali il pensiero va principalmente alla situazione drammatica che si è venuta a creare in Italia e nel mondo in generale. Il nostro impegno è solamente portato a regalarvi, anche solo per un istante, qualcosa di più leggero, restando sempre pronti a ricordarvi peraltro di "stare a casa" per fare in modo che il virus venga totalmente e nel più breve tempo possibile sconfitto e debellato.

Una famiglia di sportivi vera e propria, padre e zio ex pallavolisti di buon livello, come pure la madre, ma anche nipote dell'ex portiere della nazionale di calcio Filipov; Andrej Galabinov aveva tutti i numeri per sfondare nel mondo del calcio, almeno la base sicuramente non gli mancava. Attaccante possente, abile di testa grazie alla sua altezza, Galabinov giunse in Liguria, ed in particolare al Genoa, nella stagione 2017/2018. Da lui ci si attendevano gol e assist per i compagni. 

In Serie A non aveva mai giocato, calcando però i campi della serie cadetta con buon profitto, soprattutto ad Avellino e nel Novara; il Genoa in quella stagione gli diede una grande opportunità, anche se alla resa dei conti non tutto andò per il verso giusto visto che segnò solamente tre reti nelle 20 gare in cui ha vestito la casacca a quarti rossa e blu.

La prima rete nella massima serie però è di quelle che non si scordano mai, anche perché giunse già alla seconda giornata di quella stagione. Soprattutto fu il portiere che la subì: Gigi Buffon. Galabinov infatti realizzò il 2 a 0 momentaneo su calcio di rigore. In ottobre giungerà la prima marcatura su azione lontano dal Ferraris a Cagliari, quando il Grifone vincerà per 3 a 2. In quella circostanza sbloccò il risultato della sfida. Infine nella giornata dell'Epifania 2018 realizzerà la sua ultima rete rossoblu. Un gol decisivo perché servirà a superare con il minimo scarto il Sassuolo tra le mura amiche.

Da quel momento non riuscirà più a bucare i portieri avversari e piano-piano perderà anche il posto da titolare, alternandosi di fatto in campo con il compagno d reparto Lapadula. Il calciatore bulgaro non ha mai lesinato impegno e dedizione alla causa, anche se contro le difese delle formazioni di Serie A ha sempre trovato grandi difficoltà. Così la sua avventura genoana si è chiusa dopo un solo anno, rimanendo però sempre in Liguria visto che passò allo Spezia in Serie B dove ha ritrovato la gioia del gol.