SEZIONI NOTIZIE

L'avversaria di turno, la Sampdoria: attenti a quei due!

di Franco Avanzini
Vedi letture
Foto

E' derby, è la gara più importante della stagione, quella che fa tremare  e che fa pensare già dal primo giorno in cui viene stilato il calendario. La Sampdoria e l'attenti a quei due. A chi ci riferiamo? A Fabio Quagliarella e a Manolo Gabbiadini. Due giocatori che hanno spesso segnato al Grifone. Due di quegli elementi "guardati speciali" che la difesa del Grifone dovrà saper controllare a dovere. Evidentemente Quagliarella è la stella della squadra, capo cannoniere della passata stagione, in questa sta pagando l'inizio non buono della sua squadra. Nelle ultime gare però si sono rivisti i tocchi di genio che sono nelle caratteristiche dell'attaccante. 

Manolo Gabbiadini è genio e sregolatezza, alterna prestazioni brillanti con conclusioni da fuori area al fulmicotone ad altre meno. Se in giornata può spaccare la partita, nel caso contrario può diventare deleterio per per l'intera Sampdoria. Un gol nel derby lo fece qualche stagione fa con una punizione dalla fascia destra del campo, Un gol contestato a causa di qualche rattenuta di troppo in area di rigore. 

La fase difensiva si poggia sulla bravura del portiere Audero, numero uno dal futuro assicurato e sul duo difensivo Ferrari-Colley. Messo da parte Murillo che non è riuscito ad entrare nei meccanismi della squadra, Ferrari con Colley restano la figura centrale difensiva più abile anche se, qualche volta, non è esente da colpe.  

Chiaro che poi il tutto sia amalgamato dal tecnico Claudio Ranieri. Il suo arrivo a Genova ha portato intanto una maggiore sicurezza nei componenti dell'undici che settimanalmente manda in campo. La prima mossa è stata quella di chiudere per bene la difesa, una retroguardia che, sino al suo arrivo, era la più battuta della massima serie. Con Ranieri la squadra blucerchiata ha cambiato marcia e è risultata tra le meno battute. E la classifica è migliorata notevolmente passando dalla serie B certa alla linea di galleggiamento.  La sua esperienza è nota, ha lottato per prestigiosi traguardi ed altri meno. Adesso una nuova sfida per lui.